Imago Aylan

Perdonaci la mancanza,
perdonaci l’impotenza.
Abbiamo mani fragili
e tu, ancor più fragile,
non lo sai.

Non lo sai ancora,
e mai lo saprai.
Della terra immobile
siamo le ombre
scure, i porti chiusi.

Perdona l’invasione,
perdona la violenza.
L’infanzia grida
un terrore
che non merita.

Sapevi già
cos’è il perdono,
anima piccola?
Non dovrei chiederlo,
non spetta a te!

Il nostro abbraccio
è mancato,
la protezione è fallita.
Siamo i pessimi custodi
della pura,
infinita,
tenerezza.

This entry was posted in poesie. Bookmark the permalink.

Comments are closed.