Junk World

Una zia australiana, che non sapevo di avere, è venuta a mancare e mi ha lasciato una grossa eredità. Il notaio mi ha scritto per spiegarmi come ottenerla. Devo solo aprire un conto in banca da quelle parti e pagare le tasse di successione. I soldi mi saranno versati subito dopo.

Purtroppo pare che il conto che ho su PayPal non basti, ma comunque non potrei usarlo perché quelli di PayPal mi hanno appena scritto che è stato sospeso per motivi di sicurezza e devo seguire una procedura per riattivarlo. Pure con PostePay l’altro giorno, stessa cosa. E anche con UniCredit, eppure non ho un conto UniCredit.
Forse me lo hanno aperto sulla fiducia?

Il sig. Cheng dalla Cina mi propone un affare: ha diversi milioni di euro da investire subito e vuole entrare in società con me, dovrei mettere solo 5.000 euro. Ci devo pensare, sembra un’opportunità da cogliere al volo. Investe in energie rinnovabili e mercati emergenti.
Poi Jerry dall’America mi parla di un corso per diventare un grande manager e guadagnare 1.000 euro ogni ora con pochi clic. Ora ci provo, così evito di fare quel prestito di 30.000 euro a tassi bassissimi con la finanziaria svizzera che mi ha scritto stamattina. Anzi, prima di muovermi, consulto quella maga che può predire il futuro con soli 100 euro. Già che mi trovo, con altri 50 mi dice anche come starò in salute.

Da un mese, ogni giorno, mi scrive Katarina dalla Russia. Si sente sola e vuole vedermi. Oltre a lei hanno cercato compagnia Katy dalla Moldavia e Anna dalla Bulgaria. Pure Emely dalla Bielorussia ha bisogno di me per una tazza di te. Le piaccioni gli uomini equilibrati e affidabili ed io, modestamente, lo sono.
Con tutte queste proposte sarà difficile decidersi.

Coincidenza: un signore dalla Romania mi propone una pomata portentosa per allungare il pene e farmaci contro l’impotenza.
Eppure non avevo raccontato a nessuno di questi problemi… come ha fatto a saperlo?

This entry was posted in pensieri. Bookmark the permalink.

Comments are closed.