Rancoroso turpiloquio presuntuoso

L’ammazzo tutta,
quella Scienza senza Presenza.
Se ne abbuffino i ciccioni,
che non rompa più i coglioni.

Tutta zavorra
che vaneggiando quisquinchia
e non mi spiega
una beneamata minchia.

This entry was posted in poesie. Bookmark the permalink.

Comments are closed.